Responsabile della Bibloteca: Dott.ssa Roberta Colombo

Addio Kabul

Domenico Quirico, Farhad Bitani

Il complesso occidentale

Alexandre del Valle
Collana Montesquieu, Roma, Paesi Edizioni S.r.l.,2019

La Leonessa di Guennol

Roberta Colombo

Convertita

Catherine j. Wright – Roma, Paesi Edizioni S.r.l., 2020

Il Museo dello spionaggio è uno spazio interattivo nel quale sono esposte le prime attrezzature usate dallo spionaggio . Essi sono una testimonianza e descrizione della nascita dei primi rudimentali mezzi e del fervore creativo e fenomenologico. Quando parliamo “dell’avventura nel mondo dello spionaggio” è  il  più grande percorso nella storia di noi uomini. La cosiddetta arte dello spionaggio ha origini antichissime. Nasce quando l’uomo organizzato in gruppi inizia a praticare un’altra cosiddetta “arte”: quella della guerra; guerra e spionaggio, in effetti, sono apparsi sempre indissociabili e complementari. La raccolta di informazioni è stata ben presto sentita dall’uomo come condizione indispensabile per impostare, avviare e realizzare iniziative belliche.  Con l’avvento della tecnologia  nasce l’OSINT: Open Surce Intelligence è una disciplina afferente al mondo dell’Intelligence affermatasi prepotentemente agli inizi del nuovo millennio e rappresenta attualmente una risorsa fondamentale per le agenzie governative, i servizi segreti e le forze armate di tutto il mondo. Grazie alla diffusione delle Rete, allo spopolare dei Social Network e degli Smartphone, che permettono ad ognuno di essere in “contatto” con la comunità virtuale, il Word Wide Web è divenuto uno dei principali (se non il principale) mezzi di comunicazione capace di sostituire la stampa classica e le trasmissioni televisive perché permette ad ogni suo utilizzatore la condivisione di informazioni e dati.Il Piccolo Museo nasce con finalità educative e didattiche, ma non prive di dimensione storica e scientifica, non vuol essere solo uno spazio dedicato esclusivamente alla conservazione di strumenti e materiali per lo spionaggio, ma vuole avere una prospettiva pedagogica, un luogo di cultura interattiva attraverso la partecipazione di adulti, ragazzi e adolescenti, che interagiscono con strumenti utilizzati nello spionaggio, in modo da impressionare i visitatori.

Spy Games. Le grandi operazioni di intelligence della storia

Alfredo Matici
Collana Intrigo, Roma, Paesi Edizioni S.r.l.,2021

Navalny contro Putin

Anna Zafesova
Collana Montesquieu, Roma, Paesi Edizioni S.r.l., 2021

volti del potere mondiale

AA.VV, – Leaders, Roma, Paesi Edizioni S.r.l.,2019

Fascisti d’America

Federico Leoni
Roma, Paesi Edizioni S.r.l., 2021

Bi. Erre. I Fondatori

Gianremo Armeni
Roma, Paesi Edizioni S.r.l., 2018

Fuga da Kabul

Giorgio Battisti e Germana Zuffanti
Roma, Paesi Edizioni S.r.l., 2021

Democrazia in emergenza

Guido Bertolaso, Alfredo Mantici e Marco Minniti
Collana Macchiavelli, Roma, Paesi Edizioni S.r.l., 2021

Le guerre degli altri

Marco Giaconi
Collana Macchiavelli, Roma, Paesi Edizioni S.r.l., 2019

Adios Venezuela

Maurizio Stefanini
Collana Montesquieu, Roma, Paesi Edizioni S.r.l.,2019

Naufragio Mediterraneo

Michela Mercuri e Paolo Quercia
Collana Macchiavelli, Roma, Paesi Edizioni S.r.l., 2021

La rosa geopolitica

Mirko Mussetti
Collana Macchiavelli, Roma, Paesi Edizioni S.r.l., 2021

Il caso Cesare Battisti

Paolo Manzo
Collana Montesquieu, Roma, Paesi Edizioni S.r.l.,2018

Sbirri maledetti eroi, storie di coraggio delle forze dell’ordine

Stefano Piazza e Federica Bosco
Roma, Paesi Edizioni, 2018

I semi del male. Da Al Qaeda a Isis. La stirpe del terrorismo,

Stefano Piazza e Luciano Tirinnanzi
Collana Intrigo, Roma, Paesi Edizioni S.r.l.,2020

Sesso e violenza

Collana Chiara Camerani
Roma, Paesi Edizioni

Sesso estremo

Collana Chiara Camerani
Roma, Paesi Edizioni

Sesso e Religione

Collana Chiara Camerani
Roma, Paesi Edizioni

Sesso e Potere

Collana Chiara Camerani
Roma, Paesi Edizioni

La sconfitta dell’Occidente

Domenico Quirico, Laura Secci
Piccola Biblioteca Neri Pozza

neutralita’ e neutralita’ armata

A cura di Giuliano Luongo
Collana Giano, Avatar Editions, Dublino, 2021

Conflitto in Ucraina: rischio geopolitico, propaganda Jihadista e minaccia per L’Europa

A cura di Silvia Boltuc, Giuliano Bifolchi e Daniele Garofalo

MUSEO DELLO SPIONAGGIO

http://www.cesintell.it/

Il Museo dello spionaggio è uno spazio interattivo nel quale sono esposte le prime attrezzature usate dallo spionaggio . Essi sono una testimonianza e descrizione della nascita dei primi rudimentali mezzi e del fervore creativo e fenomenologico. Quando parliamo “dell’avventura nel mondo dello spionaggio” è  il  più grande percorso nella storia di noi uomini. La cosiddetta arte dello spionaggio ha origini antichissime. Nasce quando l’uomo organizzato in gruppi inizia a praticare un’altra cosiddetta “arte”: quella della guerra; guerra e spionaggio, in effetti, sono apparsi sempre indissociabili e complementari. La raccolta di informazioni è stata ben presto sentita dall’uomo come condizione indispensabile per impostare, avviare e realizzare iniziative belliche.  Con l’avvento della tecnologia  nasce l’OSINT: Open Surce Intelligence è una disciplina afferente al mondo dell’Intelligence affermatasi prepotentemente agli inizi del nuovo millennio e rappresenta attualmente una risorsa fondamentale per le agenzie governative, i servizi segreti e le forze armate di tutto il mondo. Grazie alla diffusione delle Rete, allo spopolare dei Social Network e degli Smartphone, che permettono ad ognuno di essere in “contatto” con la comunità virtuale, il Word Wide Web è divenuto uno dei principali (se non il principale) mezzi di comunicazione capace di sostituire la stampa classica e le trasmissioni televisive perché permette ad ogni suo utilizzatore la condivisione di informazioni e dati.Il Piccolo Museo nasce con finalità educative e didattiche, ma non prive di dimensione storica e scientifica, non vuol essere solo uno spazio dedicato esclusivamente alla conservazione di strumenti e materiali per lo spionaggio, ma vuole avere una prospettiva pedagogica, un luogo di cultura interattiva attraverso la partecipazione di adulti, ragazzi e adolescenti, che interagiscono con strumenti utilizzati nello spionaggio, in modo da impressionare i visitatori.

Contatti





    Torna su